Alla c.a. studenti e genitori

La questione dell’areazione dei locali (spec. aule e laboratori), in relazione al contenimento del rischio di contagio da COVID - 19, è qui oggetto di attenzione specifica.

Come chiarito dall’istituto Superiore di Sanità (Rapporto ISS COVID -19 n. 5/2020),  negli “ambienti indoor” occorre migliorare “l’apporto controllato di aria primaria favorendo con maggiore frequenza l'apertura delle diverse finestre e balconi.
Il principio è quello di apportare, il più possibile con l'ingresso dell'aria esterna outdoor all'interno degli ambienti di lavoro, aria fresca più pulita e, contemporaneamente, ridurre/diluire le concentrazioni degli inquinanti specifici (es. COV, PM10, ecc.), della CO2, degli odori, dell'umidità e del bioaerosol che può trasportare batteri, virus, allergeni, funghi filamentosi (muffe) e, conseguentemente, del rischio di esposizione per il personale e gli utenti dell'edificio.

In particolare, scarsi ricambi d'aria favoriscono, negli ambienti indoor, l'esposizione a inquinanti e possono facilitare la trasmissione di agenti patogeni tra i lavoratori. L’areazione/ventilazione naturale degli ambienti dipende da numerosi fattori, quali i parametri meteorologici (es. temperatura dell'aria esterna, direzione e velocità del vento), da parametri fisici quali superficie delle finestre e durata dell’apertura solo per citarne alcuni”.

In tutti i locali scolastici, per diluire l’eventuale carica virale presente, è pertanto necessario:

  • ricorrere quanto più possibile all’areazione naturale
  • areare frequentemente (ad ogni cambio docente e durante l’intervallo)
  • areare adeguatamente.

Come indicato dall’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA), l’areazione corretta e veloce  si realizza con porta dell’aula aperta e finestre del corridoio aperte.
Il tempo necessario a cambiare aria è di 2-4 minuti durante il periodo invernale, 12-20 minuti in estate (se le finestre hanno l'apertura a battente, come quelle delle aule).

Si ricorda che in inverno, la differenza di temperatura tra interno ed esterno riduce il tempo necessario a cambiare aria. Le finestre, invece, con apertura a ribalta (come quelle dei bagni) richiedono un tempo maggiore di areazione (almeno doppio rispetto alle finestre con apertura a battente).

La dirigente

Nota agli atti con protocollo n. 571/2021

Pubblicata il 15 febbraio 2021

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.